logo regione

Dipartimento di Biologia e Biotecnologie – Università degli Studi di Pavia

Dipartimento, Istituto, Centro universitario o interuniversitario

Denominazione
Dipartimento di Biologia e Biotecnologie
Struttura di riferimento
Università degli Studi di Pavia
Sito web
http://dbb.unipv.it
Organismo di ricerca
Cluster Tecnologici Lombardi di appartenenza
  • Cluster di Alta Tecnologia Agrifood Lombardia (CAT.AL)
  • Lombardy Green Chemistry Association (LGCA)
  • Cluster Lombardo Scienze della Vita
Descrizione attività

Il Dipartimento di Biologia e Biotecnologie 'Lazzaro Spallanzani' (DBB) nasce dalla fusione del Dipartimento di Genetica e Microbiologia con il Dipartimento di Biologia Animale, pre-esistenti e registrati sul sito QUESTIO. Il DBB include docenti, ricercatori, dottorandi e assegnisti provenienti dal Dipartimenti di Fisiologia, Dipartimento di Biochimica e Dipartimento di Medicina Legale, Sc. Forensi e Farmaco-Tossicologiche dell'Università degli Studi di Pavia. I ricercatori del DBB operano in ambiti scientifici differenti integrando le loro specifiche competenze per la realizzazione di progetti di ricerca avanzata e per lo sviluppo di tecnologie all'avanguardia.

Servizi offerti al mercato
Ricerca
    Ricerca di base
    Ricerca applicata
Trasferimento tecnologico
    Servizi di laboratorio
        Analisi
Servizi ausiliari alla R&TT
    Consulenza
        Consulenza tecnico-scientifica
Settori scientifico-tecnologici
1 Agricoltura, Biologia & Scienze Ambientali
    1.6 Biotecnologia e Microbiologia Applicata
5 Scienze della Vita
    5.1 Scienze Animali e Vegetali
    5.2 Biochimica e Biofisica
    5.13 Biologia Molecolare e Genetica
    5.18 Fisiologia
Settori scientifico-tecnologici aggiuntivi
Endocrinologia, Nutrizione, Metabolismo
Oncogenesi e Ricerca sul Cancro
Farmacologia e Tossicologia
Biologia cellulare e dello sviluppo
Neuroscienze
Informazioni aggiuntive: file
Nessuno
Progetti 2015 2014 2013
N. progetti di R&TT relativi a bandi europei/internazionali presentati come partner 10 3 4
N. progetti di R&TT relativi a bandi europei/internazionali presentati come capofila 6 1 0
N. progetti di R&TT relativi a bandi europei/internazionali ammessi a finanziamento in cui partecipa come partner 2 3 1
N. progetti di R&TT relativi a bandi europei/internazionali ammessi a finanziamento in cui è capofila 1 1 0
Periodo Descrizione
2015-2018 RELEVANCE is a ITN project based on an international consortium of thirteen partners representing academic research centres, diagnostic labs, blood supply centres, and small industries that combines basic and translational research to improve prognostic, diagnostic and therapeutic approaches on red blood cells production, function, and clearance in healthy humans and patients.
2015-2017 Cariplo Foundation . Project title: Monoamine oxidases as molecular players of cardiac senescence and failure. The project is based on preliminary studies which showed that the human monoamine oxidases MAO A and B, well-known targets for neurological diseases, may be involved also in the cardiac senescence. Our objective is to demonstrate this hypothesis by applying a combination of biochemical and cell biology approaches to MAO variants with modified oxygen reactivity and ROS production.
2015 Cariplo Foundation 2015. Project title: Biocatalysis for the hydroxylation of aliphatic heterocyclic compounds. Il progetto mira a sviluppare un nuovo settore di biocatalizzatori in grado di promuovere una reazione di estremo interesse e di cui si registra forte necessità nell’ambito dell’industria chimica, quale la modificazione diretta e regioselettiva di eterocicli pentatomici, come furani e pirrolidine. Tale attività di ricerca si configura in risposta alla costante richiesta di trovare nuovi approcci in grado di realizzare efficacemente l’introduzione mirata di gruppi idrossilici all’interno di scaffold molecolari di uso comune e diffuso. La rilevanza di questo processo è documentata dall’elevatissimo numero di farmaci la cui sintesi attualmente prevede il dispiego di protocolli laboriosi e costosi, con conseguente massiccia produzione di rifiuti chimici.
2015 Cariplo Foundation Project - Biomedical science for young scientists Project title: Exploring the regulatory roles of proteolysis and intra-membrane protein clustering in formation and dissociation of neuromuscular synapses Short Summary: By means of this grant, we are expanding our investigations on Neuromuscular Junctions by studying two new important players of this complex system, both showing critical implications in the development of neuromuscular diseases: 1. The master organizer of the postsynaptic membrane RapSyn, and 2. The Agrin-specific serine protease Neurotrypsin (NT). The ultimate goal of our research activity is to generate a comprehensive molecular blueprint to the complex environment of NMJ, elucidating the mechanisms that underlie the initial events of NMJ formation, stabilization and disruption of functional NMJ and therefore understanding the role of NMJ ligands, receptors and regulators in neuromuscular homeostasis and disease. We merge structural biology with biochemical, biophysical and cellular techniques to get a comprehensive understanding of the mechanisms at play.
2014 Il progetto NIH r21 si propone di identificare le proteine delle ghiandole accessorie maschili trasferite durante l'accoppiamento nella mosca tsetse. Il controllo dei geni che codificano per tali proteine rappresenta un possibile strumento per ridurre le popolazioni di questo insetto.
2014 Il progetto ROBOX si focalizza sullo studio di un gruppo di enzimi ossidativi (ossidoreduttasi) di rilevanza industriale la cui attività necessita di essere ottimizzata per applicazioni su larga scala. Il consorzio si propone di ingegnerizzare questi enzimi e di sviluppare una piattaforma tecnologica per la determinazione rapida ed accurata delle specifiche attività enzimatiche.
2014 Il progetto UNO-INFRAVEC studia le proteine di trasporto del tipo ABC, pompe di efflusso situate sulla membrana plasmatica di cellule procariotiche ed eucariotiche. L'inibizione di questi trasportatori presenti negli insetti nocivi li rende più suscettibili agli insetticidi. Il progetto si propone di investigare le proteine di tipo ABC coinvolte nei meccanismi di resistenza agli insetticidi.
2014 Il progetto" CERES-NEWPEARL - Combining new phenotyping approaches and next generation sequencing to accelerate breeding in pearl millet, an orphan cereal from arid regions" si propone di operare con vari tipi di approcci sperimentali per il miglioramento genetico delle qualità nutrizionali e di tolleranza dello stress idrico del miglio.
2013 Human flavin-containing monooxygenases (FMOs) are main players in the processes of detoxification and/or bioactivation of specific pharmaceuticals and xenobiotics, complementing the role performed by Cytochrome P450 enzymes (CYPs) in the oxidative Phase1 metabolism of drugs. The primary aim of this project is the structural and biochemical characterization of human non-CYP monooxygenases.
2012 Titolo del progetto: Difetti Enzimatici nella Condrodisplasia Punctata Rizomelica: Biochimica e Possibilità Terapeutiche Responsabile: Prof. Andrea Mattevi Descrizione: I perossisomi sono organelli presenti nelle nostre cellule, dove svolgono un’ampia gamma di funzioni, soprattutto nel metabolismo degli acidi grassi e dei fosfolipidi di membrana. Tra le molteplici funzioni svolte da questi organelli, vi è la produzione di un gruppo di fosfolipidi, noti come plasmalogeni, che costituiscono degli elementi essenziali di tutte le membrane cellulari. Difetti nella biosintesi dei plasmalogeni causano la Condrodisplasia Puntata Rizomelica (RCDP), una malattia genetica con manifestazioni cliniche molto gravi tra cui malformazioni scheletriche e un forte ritardo mentale. Come per buona parte dei disordini perossisomali, anche la RCDP non dispone di alcuna terapia specifica. Il nostro progetto segue la logica del "conoscere per agire". Intendiamo analizzare i processi cellulari che sono difettosi nei pazienti affetti da RCDP e che rimangono poco compresi, ponendo problematiche scientifiche davvero affascinanti. Le conoscenze che saranno acquisite attraverso le ricerche proposte, costituiranno un essenziale punto di partenza nella direzione di migliorare la diagnosi delle malattie causate da mancanza di plasmalogeni.
2012 Titolo del progetto: A very promising drug against Burkholderia cenocepacia Responsabile: Prof. Giovanna Riccardi Descrizione: Burkholderia cenocepacia è considerata uno dei più seri patogeni che colpiscono i malati di fibrosi cistica, provocando infezioni in circa il 3.5% di pazienti. B. cenocepacia è molto resistente agli antibiotici e, di conseguenza, sono necessarie nuove strategie per migliorare il trattamento di queste infezioni letali. Tre sono gli obiettivi di questo progetto: 1. Produzione eterologa del trasportatore RND-4, coinvolto nell’espulsione di farmaci dalla cellula, per successivi studi strutturali e “drug design”. 2. Sintesi di nuovi composti contro B. cenocepacia. Recentemente abbiamo dimostrato che un derivato della piridina è molto attivo e abbiamo identificato un meccanismo di resistenza associato all’espulsione di questo nuovo farmaco da parte di RND-4. Vogliamo sintetizzare nuovi derivati che non siano riconosciuti da questa pompa come substrato. 3. Identificazione del bersaglio dei derivati della piridina mediante selezione di mutanti di B. cenocepacia resistenti e sequenziamento del loro genoma. Ente Finanziatore: Fondazione per la Ricerca sulla Fibrosi Cistica-ONLUS (Verona) Partner coinvolti nel progetto: - Prof. Renato Fani (Laboratorio di Evoluzione Microbica e Molecolare, Dipartimento di Biologia Evoluzionistica, Università di Firenze); - Dr. Vadim Makarov (Bakh Institute of Biochemistry, Moscow).
Mostra gli elementi supplementari
Esistono partner/clienti con/per i quali il centro ha realizzato progetti di R&TT negli ultimi 5 anni?
No
Descrizione
Il Dipartimento vanta molte collaborazioni internazionali con vari istituti europei (es. Istituto Pasteur) e americani (Yale university), nonchè industrie biotecnologiche nazionali ed internazionali.
Esistono collaborazioni, accordi, reti, convenzioni per la R&TT attive nel 2015?
No
Il soggetto ha partecipato in passato a programmi europei o internazionali di ricerca e innovazione
Il soggetto è interessato a partecipare alle call di Horizon 2020?
Temi di interesse di Horizon 2020
1. Leadership in enabling and industrial technologies
    1.2. Nanotechnologies, Advanced materials, Biotechnology, Advanced Manufacturing and Processing
        1.2.1. Nanotechnologies
        1.2.3. Biotechnology
        1.2.6. PPP Factories of the Future (FoF)
2. Societal challenges
    2.1. Health, demographic change and well-being
        2.1.1. Personalising health and care
        2.1.2. European Innovation Partnership on Active and Healthy Ageing
        2.1.3. Global Alliance for Chronic Diseases
        2.1.5. Joint Programming on Neurodegenerative Diseases Research.
        2.1.6. Innovative Medicines Initiative
        2.1.7. European and Developing Countries Clinical Trials Partnership (EDCTP)
    2.2. Food Security, Sustainable Agriculture and Forestry, Marine, Maritime and Inland Water Research and the Bioeconomy
        2.2.1. Food Security
        2.2.2. Sustainable Agriculture and Forestry
    2.3. Secure, Clean and Efficient Energy
    2.5. Climate Action, Environment, Resource Efficiency and Raw Materials
        2.5.2. Protection and sustainable management of natural resources and ecosystems
Totale individui/teste 2015 del CRTT
171
Totale addetti del centro in equivalente a tempo pieno 2015
171,00
• professori ordinari
15,00
• professori associati
19,00
• ricercatori di ruolo, ricercatori non confermati e ricercatori a tempo determinato
16,00
• assegnisti post dottorato, borsisti post dottorato e assegnisti di ricercad
51,00
• assegnisti di ricerca dottorandi
27,00
• dottorandi non assegnisti di ricerca
35,00
• con borsa
35,00
• addetti specificatamente al tt e supporto al tt
1,00
2015 2014 2013
Numero di borse di Dottorato di Ricerca finanziate da enti esterni, non universitari, al CRTT 1.00 6.00 6.00
Possiede e/o ha in dotazione attrezzature tecnico-scientifiche qualificanti:
Nome Descrizione Quale funzione e/o servizio esercita l'attrezzatura? Tipologia di soggetti terzi che possono richiedere l'accesso all'attrezzatura
Camere fredde termostatate Attività di purificazione enzimi ed altre applicazioni di tipo biochimico e molecolare
Piattaforma per coltura in vitro di materiale vegetale Camere di crescita termostatate con fotoperiodo regolabile, shaker per la coltura di linee cellulari vegetali in sospensione, cappe a flusso laminare
Piattaforme per la coltura in vitro di cellule animali Termostati, cappe a flusso laminare
Piattaforma di Microscopia Elettronica Transmission Electron Microscopy
Piattaforme di Microscopia ottica, a fluorescenza, confocale Per analisi di tipo cellulare e subcellulare
Piattaforma biocristallografica Per analisi di biologia strutturale e biocristallografia
Piattaforma per analisi farmacotossicologiche Studi e analisi di eco-tossicologia, farmacologia applicata
Insettario Per studi di entomologia molecolare, di base ed applicata
Sequenziatore Sequenziatore di DNA capillare
Cristallizzatore robot Cristallizzatore robot per proteine di interesse biologico e farmaceutico.
Mostra gli elementi supplementari
Il CRTT accede in convenzione ad attrezzature tecnico-scientifiche?
Nome Descrizione Quale funzione e/o servizio esercita l'attrezzatura?
Centro Grandi Strumenti - Università degli Studi di Pavia Microscopia Confocale/Spettroscopie/Cristallografia/Struttura primaria delle proteine/Risonanze magnetiche/Microscopia elettronica a trasmissione/Spettrometria di massa/Difrattometro raggi X Attrezzatura per analisi, test e misura; Attrezzatura per modellizzazione e simulazione
Vi sono eventuali attrezzature scientifiche alle quali vorrebbe accedere?
No
Descrizione
Centri di microspia elettronica avanzata
Possiede e/o ha in dotazione infrastrutture tecnico-scientifiche qualificanti: censite nella "Roadmap MIUR" o aderenti "ESFRI" (European Strategy Forum of Research&Innovation)?" e/o a funzione di servizio per soggetti terzi?
Il CRTT accede in convenzione a infrastrutture tecnico-scientifiche?
Vi sono eventuali infrastrutture scientifiche alle quali vorrebbe accedere?
Ambiti tecnologici
  • Medicina e salute umana
  • Biostatistica, epidemiologia
  • Biochimica/ biofisica
  • Bioinformatica
  • Agricoltura
  • Tecnologie per l' industria alimentare
  • Trattamento bio/ concime/ bioconversione
  • Biologia/ Biotecnologia
  • Biologia cellulare e moleculare
  • Espressione genetica, ricerca su proteomi
  • Addittivi alimentari/ ingredienti/ cibo funzionale
  • Qualità e sicurezza alimentare
  • Microbiologia/ tossicologia/ qualità di controllo alimentare
  • Ambiente
  • Citologia, cancerologia, oncologia
  • Tecnologia degli enzimi
  • Ricerca genoma
  • Genetica della popolozione
  • Gestione rifiuti
  • Ingegneria delle proteine
  • Micro- e nanotecnologia relativa alle scienze biologiche
  • Biopolimeri
  • Ingegneria genetica
  • Biodiversità/ patrimonio naturale
  • SCIENZE BIOLOGICHE
  • Biologia sintetica
  • Biotecnologia industriale
  • Testi in vitro, sperimentazione
  • RISORSE AGRICOLE E MARINE
  • Microbiologia
  • Rivestimento di semi
  • AGROINDUSTRIA
  • Design molecolare
  • Tossicologia
  • PROTEZIONE DELL'UOMO E DELL'AMBIENTE
  • Fermentazione
  • Bioprocessi
  • Prodotti farmaceutici/ Farmaci
  • Fisiologia
  • Tecnologie di cellule staminali
Totale ricavi/entrate 2015 del CRTT
€ 1.315.442,43
Totale ricavi/entrate per attività su commessa di R&TT 2015
€ 105.183,29
Numero di clienti dei "servizi di laboratorio" nell'anno 2015
13
Sede del crtt
via Ferrata 9
27100 Pavia PV Italia
Telefono: 0382986288
Fax: 0382986328
emdip08@unipv.it