La Mappa dei Servizi
cipo

La mappa dei CRTT in Italia

 

italia

 

Blog
Ordina per
Chiudi
Info post
Pubblicato il 11/04/2013, 09:36
Visualizzato 1030 volte
Inviato da Antonio Santangelo

Key4Biz pubblica il resoconto dell'accordo tra Comune di Milano e Camera di Commercio per promuovere creatività, innovazione e nuove imprese, con l'investimento di 9 Mni €.
La somma verrà destinata a "sostenere la nascita di nuove imprese e quelle esistenti in un momento di grave crisi. Accesso al credito, innovazione tecnologica e incentivi a creare nuova occupazione sono gli assi principali del nostro intervento all'interno di una strategia complessiva di cooperazione tra enti pubblici e operatori privati", come dichiara Cristina Tajani, assessore al lavoro e sviluppo del Comune di Milano.
Il provvedimento prevede: servizi di “Supporto a nuove imprese e professionisti che cercano spazi di lavoro” grazie ai contributi per attività di coworking, per la condivisione dei servizi e degli ambienti di lavoro; azioni di “Supporto alle start up micro imprese innovative” cui si affiancano sostegno per lo “Sviluppo delle MPMI attraverso il design” oltre a “Interventi a sostegno dell’economia digitale” e di sostegno alle “per investimenti nelle tecnologie innovative e digitali”; interventi di facilitazione all’accesso al credito come il progetto “Accesso al credito per le PMI” che si pone l’obiettivo di facilitare l'ottenimento di finanziamenti bancari assistiti da garanzia di confidi, prevedendo un abbattimento del tasso di interesse; l’erogazione di 2 milioni e 500 mila euro di “Contributi alle imprese a sostegno dell’occupazione”, finalizzati all'assunzione di nuovo personale o alla trasformazione dei contratti di lavoro a tempo determinato da parte delle imprese del territorio.

Il provvedimento è il primo passo di una strategia per Milano Smart City che prevede per il 19 aprile l'apertura di una fase di ascolto degli stakeholder da parte del Comune e della CdC.

Chiudi
Info post
Pubblicato il 03/04/2013, 12:31
Visualizzato 898 volte
Inviato da Antonio Santangelo

Con grande ritardo segnaliamo la pubblicazione del documento "Horizon 2020 Italia", presentato il 19 marzo scorso dal MIUR. Il documento è il risultato di una consultazione pubblica condotta dal Miur dall'11 ottobre al 16 novembre 2012 che ha coinvolto circa 6.000 cittadini. L’Italia risulta così l'unico Paese dotato di una base per un Programma Quadro nazionale su ricerca e innovazione allineato con l'Europa.

Facendo il punto sulla ricerca in Europa il documento deduce che il sistema europeo nel suo insieme a perdere colpi nella competizione globale, non sapendo fare sistema, e  mostra un trend negativo per pubblicazioni scientifiche e per brevetti rispetto a Usa, Giappone e Corea. In questo contesto l'Italia è un "moderate innovator" nella Ue, con bassa capacità di esportare prodotti ad alto contenuto di tecnologia.

Il documento del MIUR propone quattro misure, sinergiche, suggerite anche dalla consultazione pubblica:

 

• Favorire l'incontro tra la domanda di ricerca e innovazione espressa dai cittadini, con l'offerta da parte di università e imprese. In particolare si sollecita scuola e università a favorire la creazione di comunità intelligenti di cittadini; le istituzioni devono interpretarne i bisogni, e tramutarli in programmi e bandi.

• Mettere a punto un metodo di programmazione che possa incrementare l'efficacia l'efficienza degli investimenti su ricerca e innovazione;

• Aumentare l'attrattività del sistema per una maggiore mobilità dei ricercatori in entrata ed in uscita;

• Intercettare quote crescenti di risorse europee.

Il MIUR lancia anche il nuovo portale "ResearchItaly"  rivolto al mondo della ricerca e ai cittadini

Nella documentazione relativa a Horizon 2020 Italy (.pdf) vi sono anche aggiornamenti sul bando Smart Cities e sui Cluster tecnologici.

Si è conclusa la prima fase di valutazione dei progetti del bando Smart Cities (valore totale investimento pari a 655,5 milioni di euro di cui 25 milioni di euro per giovani ricercatori under 30). Presentate 148 idee progettuali presentate (valore complessivo pari a 2.300 Mni €), ammessi alla seconda fase 82 progetti. Entro maggio verranno selezionate le 32 proposte che verranno finanziate (2 per ogni ambito).

Chiudi
Info post
Pubblicato il 02/04/2013, 17:17
Visualizzato 825 volte
Inviato da Antonio Santangelo

Il Comitato delle Regioni della Commissione Europea ha lanciato una survey sui temi dell'agenda digitale. Una delle azioni di Europa 2020 (sono già passati tre anni dalla sua definizione), l'Agenda digitale è una delle azioni-bandiera; il 2 luglio 2013 se ne discuterà a Bruxelles in una conferenza preparatoria della verifica intermedia del 2014.

E' possibile partecipare alla survey compilando il questionario, e restituendolo entro il 27.5.2013

Nella medesima pagina, è possibile caricare esempi di best practice da presentare alla conferenza.

Chiudi
Info post
Pubblicato il 27/03/2013, 10:16
Visualizzato 881 volte
Inviato da Antonio Santangelo

eu scoreb

 

Key4Biz commenta i risultati appena pubblicati dell’Innovation Scoreboard 2013 (.pdf), la classifica UE sui Paesi membri più innovativi dell'Unione, misurati in termini di brevetti, ricerca e Phd.

Dalla ricerca emerge che I paesi più innovativi  sono caratterizzati da robusti sistemi di ricerca e innovazione, in cui giocano un ruolo importante le iniziative delle imprese e del settore dell'istruzione superiore. "Le imprese di tutti i leader dell'innovazione hanno buoni risultati in termini di spesa per la ricerca e lo sviluppo (R&S) e di domande di brevetti. Hanno anche in comune un settore dell'istruzione superiore altamente sviluppato e forti legami tra il mondo industriale e quello della scienza". 

La ricerca afferma anche che l'Unione ha accentuato le sue iniziative sull'innovazione, ma che il biennio che abbiamo alle spalle ha allargato il divario tra gli Stati membri;  i più innovativi hanno migliorato, mentre follower e più arretrati sono rimasti fermi o hanno regredito.

In questo quadro l'Italia, che da tempo è un follower,  piazzandosi al 16° posto, lontano dai migliori: Svezia, Germania, Danimarca, Finlandia, Estonia, Lituania, Lettonia. Siamo lontani dai parametri di Lisbona (3% del PIL investito in R&S) con uno stentato 1,2%. Ad ad un basso tasso di investimento del settore pubblico si aggiunge un insoddisfacente e inferiore tasso di investimento delle imprese. Solo la Lombardia ha investimenti privati superiori a quelli pubblici.

 

La UE si presenta all'appuntamento con i conti in ordine: 

  • realizzato l'accordo sul brevetto unitario, che entrerà in vigore nel 2014: 
  • creazione di un "fondo di venture capital europeo"; 
  • accordi per il finanziamento delle PMI innovative da parte degli istituti bancari; 
  • 4 nuovi  partenariati europei per l'innovazione (PEI) per far fronte alle emergenze ambientali e sociali (sostenibilità in agricoltura, materie prime, acqua, città e comunità intelligenti);
  • creazione di una classifica multidimensionale dell'educazione superiore
Chiudi
Info post
Pubblicato il 22/03/2013, 10:28
Visualizzato 635 volte
Inviato da ATI Srl (Alessandro Cavalieri) (profilo)

Il tema del cambiamento nel mondo della sanità italiana e dei nuovi rapporti tra mondo della sanità pubblica e fornitori del sistema è un tema di sempre maggior attualità per tre ordini di motivi.

Il primo motivo riguarda la tensione finanziaria determinata da un incremento dell’indebitamento delle Regioni e dalla scelta di cartolarizzare il debito pregresso. Queste condizioni hanno in parte pregiudicato gli investimenti futuri, in particolare quelli legati agli investimenti per ammodernamento della strumentazione tecnica, dei sistemi informativi, per rimanere insomma al passo con i tempi.

Il secondo motivo di ineluttabilità del cambiamento riguarda l’incertezza che investe il mondo politico. Il sistema bipolare presente in Italia non si è mai realmente consolidato e le ultime elezioni del 2013 ne hanno evidenziato tutte le debolezze. Si assiste così da una parte ad un preciso indirizzo politico a livello nazionale al quale, però, non fa riscontro un corrispondente equilibrio all’interno della Conferenza tra Stato e Regioni, dove invece si assiste ad una aperto scontro tra schieramenti politici opposti.

Il terzo motivo è, infine, connesso al fatto che stiamo assistendo anche ad una profonda ristrutturazione del mondo farmaceutico e medicale, all’interno del quale stanno cambiando molti attori chiave, fenomeno questo che si sovrappone alla raggiunta piena consapevolezza di avere bisogno di conoscere quale possa essere il futuro della politica sanitaria e di quali possano essere per il futuro le scelte politiche in quest’ambito.

Chiudi
Info post
Pubblicato il 15/03/2013, 16:32
Visualizzato 669 volte
Inviato da Antonio Santangelo

L'innovazione non ha patria, né dimensione circoscritta. Stamane abbiamo segnalato l'esperienza colombiana di Innovacion Abierta, e la cosa è subito rimbalzata sul blog dell'iniziativa. A detta di un componente del team, la nostra citazione li ha un po' motivati: "La segunda publicación, si bien es apenas una pequeña mención, nos resulta muy significativa; se trata de una entada al blog del Portal Questio este es un portal  que promueve la innovación en la región de Lombardía - Italia ( muy similar a lo que hacemos nosotros en Bogotá - Cundinamarca, y Colombia), donde hacen referencia al crecimiento de nuestra comunidad". 

Chiudi
Info post
Pubblicato il 15/03/2013, 10:55
Visualizzato 1179 volte
Inviato da Antonio Santangelo

Il tema dell'utilizzo del web per creare e scambiarsi occasioni di business sta crescendo. Ho già avuto modo di parlare in questo spazio dell'esperienza di Officine Italiane, e molti di voi li hanno incontrati al QuestioDay di dicembre.
Ho anche segnalato, tempo fa, la nascita di una iniziativa simile in America Latina: Innovaciòn Abierta, piattaforma colombiana. Nel frattempo hanno rinnovato il loro sito, che ora è una piattaforma molto ricca, e raggiunto i 1748 iscritti.
Anche Officine è cresciuta e continua a farlo, in termini di partecipanti (10.327) e di servizi (ogni settimana, via mail, le occasioni di business in Italia e all'estero).
Entrambe le iniziative segnalano tre elementi di fondo:
- l'esigenza di costruire network di scambio della conoscenza e opportunità di business sui temi dell'innovazione
- la necessità di farlo puntando all'orizzonte internazionale
- la potenzialità esplosiva della Rete nell'accompagnare la crescita di ogni nuovo passo.

Le difficoltà delle imprese italiane possono trovare una soluzione nello studio di queste nuove realtà

Chiudi
Info post
Pubblicato il 14/03/2013, 15:01
Visualizzato 722 volte
Inviato da Antonio Santangelo

Attingendo ai fondi del Piano di Azione e Coesione, il Ministero dello Sviluppo Economico e il MIUR hanno presentato le guidelines di tre bandi per un valore di 256,5 Mni €. Gli investimenti andranno a favore delle infrastrutture di ricerca di Università ed Enti Pubblici delle Regioni convergenza (Campania, Puglia, Calabria e Sicilia); progetti di innovazione della PA per l'erogazione di servizi; il sostegno alla competitività delle imprese, anche start up, con 4 iniziative di R&I. 

 

Di seguito le linee guida:

Progetti per il sostegno di Startup - Il bando ha l’obiettivo di sostenere la competitività delle imprese, in particolare delle micro, piccole e medie delle regioni della Convergenza, attive da meno di sei anni (starup o spin-off), in collaborazione con università, centri di ricerca, amministrazioni pubbliche e grandi imprese. I progetti avranno a disposizione 30 milioni di euro e si articoleranno su quattro direttrici:

a) valorizzazione e gestione dell’imponente flusso di dati generati dalle tecnologie digitali (Big Data, 8 milioni);

Chiudi
Info post
Pubblicato il 06/03/2013, 14:03
Visualizzato 548 volte
Inviato da (Luca Odetti) (profilo)

Varstiff

The Centre for Applied Research Tecnalia Research & Innovation has through its FIK initiative designed Varstiff, a smart textile material that can adopt different shapes; when vacuum is applied to it, it turns rigid once again and achieves hardness equivalent to that of a conventional plastic. The material reverts to its flexible state once the vacuum is released. The first product Varstiff will be used for will be an emergency immobiliser for accident victims. Thanks to the encouragement and collaboration of Janus Development, this product has been selected by the Botín Foundation as one of the three award-winning projects in the first edition of its programme “Mind the Gap”. To support its launch onto the market a new technology-based enterprise will be set up to operate in the healthcare sector initially, but with plans to expand its activity to other sectors like the automotive or leisure sectors.
Chiudi
Info post
Pubblicato il 26/02/2013, 18:17
Visualizzato 613 volte
Inviato da Antonio Santangelo

Alessandro Longo per ICT4Executives ha sentito alcuni protagonisti del mondo delle start up a proposito della legge Crescita 2.0. Ne emerge un quadro di luci ed ombre in cui limiti e opportunità sono ben delineati.

Tra i limiti l'eccesso di regole - ad esempio possesso di un brevetto e laureati tra i fondatori -, all'inverso di quanto accade negli Usa, dove "sei vuoi creare un’azienda do per scontato che sei una brava persona e ti facilito; ma se scopro che fai il furbo ti massacro", e con una carenza di venture italiani. Questo sostiene Gianfausto Ferrari di Superpartes. 

Andrea Rangone, che si occupa dell'Incubatore di PoliMi, si lamenta dell'esclusione di quelli universitari dalle facilitazioni, seguito da Gianluca Dettori che spinge per il crowdfunding.

Tra chi vede il bicchiere pieno (o quasi) c'é Enrico Gasperini, di Digital Magics, apprezza le agevolazioni fiscali e auspica un potenziamento degli intermediari. Come lui la pensa Cristiano Escapolon: Sono importanti le agevolazioni fiscali, non tanto per l’importo- all’inizio dell’investimento un 20 per cento di deducibilità non ti cambia molto la vita. Doveva essere una quota più alta. Ma è comunque utile perché attira l'interesse degli investitori e quindi più soldi, cioè proprio quello di cui abbiamo bisogno. Le nostre startup fanno fatica a trovare capitali.

Altri punti positivi della norma sono: la fondazione di regole di corporate governance con diversi diritti di voto e strumenti finanziari con diritti patrimoniali; la remunerazione con l’attribuzione di stock-option;  contratti di lavoro a tempo determinato; contratti di servizi di mentoring dell’incubatore che concorrono ai costi di ricerca e sviluppo. 

Servirà un regolamento della Consob, previsto per marzo, per abilitare il crowdfunding.